stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Vulcano, due terremoti al largo dell'isola mentre le fumate si intensificano
EOLIE

Vulcano, due terremoti al largo dell'isola mentre le fumate si intensificano

isola di vulcano, Isole Eolie, Messina, Cronaca
Isola di Vulcano, i fumi aumentano di intensità

Anche il terremoto al largo dell’isola di Vulcano dopo la mareggiata dei giorni scorsi e la costante attività del vulcano: due eventi sismici sono stati registrati dall’Ingv nell’arcipelago delle Eolie e in particolare vicino a Vulcano, da mesi colpita da una intensa attività del cratere.

Il primo evento alle 23.49 è stato di magnitudo 2.2 e ha avuto l'ipocentro a quasi 5 chilometri di profondità. Il secondo a mezzanotte e 13 minuti sempre di magnitudo 2.2 ed è stato ad una profondità di oltre 7 chilometri. Le due scosse non hanno causato danni a persone e cose.

Il terremoto è arrivato nella notte successiva a una giornata di grandi preoccupazioni sull’isola. C’è stata infatti una super-fumata a Vulcano, mentre prosegue il monitoraggio dei vulcanologi dell’Ingv. «La temperatura dei gas emessi dalle fumarole - spiega Micol Todesco, ricercatrice dell’Ingv - è uno dei parametri che vengono misurati nell’ambito delle attività di monitoraggio geochimico dei vulcani. Recentemente è stata rilevata una temperatura di 344°C». Ma è alta o è bassa? Fino a che valori può arrivare la temperatura dei gas vulcanici? «La risposta è: dipende. La temperatura di una miscela di gas dipende da molti fattori legati alle condizioni del sistema vulcanico e alle condizioni atmosferiche presenti al momento in cui si effettua la misura in superficie (pressione atmosferica, pioggia). I gas vulcanici che alimentano le fumarole sono inizialmente disciolti nel magma, che può raggiungere temperature variabili fra 950 e 1200°C. Se le condizioni sono opportune, i gas si liberano dal magma e risalgono, filtrando attraverso reticoli di pori e fratture, fino a raggiungere la superficie».

Poi avviene che nel corso della risalita, i gas si espandano. «Talvolta - prosegue la ricercatrice - si mescolano con fluidi più superficiali e, in generale, si raffreddano. La misura di questo raffreddamento dipende dalla facilità con cui i gas raggiungono la superficie: quando il magma che li origina è superficiale e i condotti fumarolici sono ben sviluppati, le temperature osservate alla bocca delle fumarola possono raggiungere 800-900°C.». Se il magma è profondo oppure il percorso che i gas devono compiere per raggiungere la superficie è lungo e tortuoso, la temperatura sarà più bassa. «L’eventuale presenza di falde idriche sotterranee - aggiunge Micol Todesco - può contribuire a raffreddare i gas in risalita, stabilizzando la temperatura al valore di ebollizione dell’acqua (100°C, al livello del mare). Anche il verificarsi di piogge intense può ridurre sensibilmente la temperatura misurata, ma in questo caso, la variazione è solo temporanea e la fumarola tenderà a ripristinare i valori misurati prima dell’evento meteorico».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X