stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Siciliana morta nelle Marche, aperta un'inchiesta: forse uccisa da un'overdose
A RECANATI

Siciliana morta nelle Marche, aperta un'inchiesta: forse uccisa da un'overdose

patti, Messina, Cronaca
Genair Gugliotta

Inchiesta sulla morte di Genair Gugliotta, 38enne originaria di Patti, residente da alcuni anni nelle Marche, a Recanati. La donna è deceduta nella notte tra domenica e lunedì all’ospedale di Macerata, dove era stata ricoverata il giorno prima per una grave crisi respiratoria. Gugliotta era madre di tre figli.

I sanitari hanno ipotizzato che si trattasse delle conseguenze di una overdose e per questo sono stati allertati i carabinieri. La salma è ancora a disposizione dell’autorità giudiziaria che ha avviato accertamenti sulla causa reale di morte e sarà eseguita l'autopsia.

Genair viveva nel complesso delle case popolari di via Mascambruni, nel quartiere Le Grazie di Recanati, in un appartamento che le era stato assegnato dopo essere stata seguita dai servizi sociali, al suo arrivo nelle Marche.

I funerali saranno celebrati domani (13 luglio) nella Chiesa del sacro Cuore in Patti.

Sui social l'addio di Emanuel, 20 anni, il figlio maggiore di Genair Gugliotta che vive in Sicilia: "Ti prometto che non lascerò che le lacrime macchino i sorrisi e i bei ricordi che mi hai regalato - scrive sul suo profilo Facebook -, potrei fingere di sembrare forte, ma mentirei: questo è il momento più triste della mia vita. Già mi manchi mamma. Per la prima volta, sembra che la vita mi abbia tradito. Ha portato via la persona a cui tenevo di più. Non potrò mai dimenticarti e resterai sempre nel mio cuore lasciando questo vuoto che nessuno sarà mai in grado di colmare. Spero che lassù hai smesso di soffrire e che finalmente troverai la pace che hai sempre cercato. Riposa in pace...".

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X