stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Vulcano, sub di Troina muore in immersione: lascia la moglie e una bambina
ISOLE EOLIE

Vulcano, sub di Troina muore in immersione: lascia la moglie e una bambina

di
Isole Eolie, Subacquea, Messina, Cronaca
Giuseppe Giuliano era un appassionato di pesca subacquea

Tragedia a Vulcano, nelle Isole Eolie. Stamane è morto in mare un giovane sub siciliano. Giuseppe Giuliano, di Troina, aveva 35 anni. Lascia la moglie e una bambina piccola. Era un devoto di San Silvestro, come tanti suoi concittadini.

Lui e due suoi amici, con un potente gommone, erano partiti da Milazzo. Giunti a Vulcano, avevano deciso, approfittando della bella giornata di sole quasi estiva, di raggiungere il canale tra la stessa isola e Lipari per una battuta di pesca subacquea. Il trentacinquenne si era immerso. Di solito in quel tratto di mare si scende dai 20 ai 30 metri, dopo un po' gli amici hanno iniziato a preoccuparsi perché non lo vedevano rientrare. E hanno iniziato la ricerca fin quando hanno visto il corpo di Giuseppe quasi in fin di vita galleggiare nel tratto di mare sotto un noto albergo di Vulcano. Hanno tentato di issarlo a bordo, ma senza riuscirci. Prezioso è stato l'intervento di un pescatore che transitava con la sua barca: grazie al suo apporto sono riusciti a riportarlo sul gommone.

Gli amici hanno notato subito che le sue condizioni erano disperate e a tutta velocità oltre a dare l'allarme si sono diretti verso il porto di Levante, dove ad attenderlo c'erano la guardia medica e i volontari della Croce Rossa, che si sono adoperati in tutti i modi e per oltre mezz'ora hanno fatto di tutto per cercare di rianimarlo. Alla fine, però, hanno potuto fare altro che constatare l'avvenuto decesso.

La causa della morte potrebbe essere stata un malore. Difatti, il sub ha staccato la cintura con i pesi per potere tornare subito in superficie. Ma è stato tutto inutile. Appassionato di subacquea, Giuseppe Giuliano, assieme ai suoi amici, era un habitué delle Eolie. La settimana scorsa il gruppetto era stato a Stromboli, a pescare. Sulla vicenda i carabinieri dell'isola eoliana hanno avviato le indagini e un fascicolo è stato inviato alla procura della Repubblica di Barcellona. Il sostituto procuratore di turno non ha disposto l'autopsia e così la salma è stata restituita alla famiglia. Già domani - lunedì 31 ottobre - verrà trasferita a Troina.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X