stampa
Dimensione testo
PRECARIATO

Sanità, la Ugl incontra i vertici dell'istituto "Bonino" di Messina

I segretari regionali delle federazioni sanità e medici della Ugl, Carmelo Urzì e Raffaele Lanteri, accompagnati dal segretario generale territoriale della Ugl di Messina Antonino Sciotto, sono stati ricevuti ieri dal direttore generale del centro neurolesi "Bonino - Pulejo" della città dello stretto Vincenzo Barone.

Una visita cordiale, al quale hanno preso parte anche il direttore amministrativo della struttura, Maria Felicita Crupi, ed il direttore sanitario Giuseppe Rao, si è fatto il punto sulla situazione della pianta organica dell'istituto di ricovero e cura a carattere scientifico, nonchè dei progetti e degli investimenti che l'azienda andrà a realizzare nei prossimi mesi. In particolare si è discusso dello storico problema del precariato, con la richiesta della Ugl di procedere all'immissione in servizio a tempo indeterminato del personale, ma anche di concorsi che a breve coinvolgeranno gli operatori socio-sanitari e gli infermieri, nonchè del finanziamento di 91 milioni di euro appostati dal Ministero della salute per l'Irccs messinese.

Su questo punto il direttore generale ha ricordato come il prossimo 9 agosto, nel corso di un vertice convocato dall'Assessorato regionale della salute, presenterà il piano di interventi promosso dall'azienda ospedaliera poichè, a seguito di una sentenza della Corte costituzionale, ha stabilito che la somma dapprima destinata direttamente al "Bonino - Pulejo" è invece di competenza della Regione siciliana, che dovrà adesso varare un accordo di programma ai sensi dell'articolo n° 20 della legge n° 67 del 1988 sull'edilizia sanitaria. Per questo Barone ha assicurato che i suoi uffici non si fermeranno neanche in questo periodo "caldo" per produrre gli atti aziendali necessari che Palermo dovrà trasmettere a Roma per accedere alle importanti cifre stanziate.

"Ringraziamo il direttore ed i vertici del centro neurolesi per il prezioso confronto che ci ha consentito di rinnovare la sinergia tra l'amministrazione dell'azienda e la nostra organizzazione sindacale - evidenziano Urzì, Lanteri e Sciotto. Abbiamo avuto le rassicurazioni che cercavamo sia per quanto concerne i precari, che per i nuovi assunti sul quale c'è un preciso impegno dettato dal piano di espansione del centro in altre province siciliane, come già avvenuto di recente a Catania. Ci fa piacere aver potuto apprezzare una conduzione seria, disponibile e sensibile, improntata sullo sviluppo delle potenzialità dell'istituto di eccellenza che, certamente, troverà sfogo grazie ai nuovi investimenti sinonimo peraltro di incremento dei livelli occupazionali. Noi come Ugl continueremo a mantenere altra l'attenzione e la collaborazione, per un servizio sanitario sempre più efficiente nella nostra realtà regionale."

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X