stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Messina, il Pd rimane senza guida e senza sede
I RENZIANI

Messina, il Pd rimane senza guida e senza sede

di
Grioli: «Le cose vanno fatte con criterio con un nuovo tesseramento». Fragale: «Siamo estromessi dai tavoli decisionali»

MESSINA. Azzeramento di tutti gli organi del partito, direzione compresa, azzeramento tesseramenti e al più presto, al massimo entro la prossima primavera, il congresso provinciale. E intanto, valutare la possibilità di nominare come commissario provinciale un messinese.

L’area renziana della prima ora del Pd, chiama a raccolta le varie anime del partito e si prepara a suggerire strategie e regole. Il segretario regionale del Partito democratico Fausto Raciti, lunedì pomeriggio, a sorpresa, ha accettato le dimissioni del segretario provinciale Basilio Ridolfo e si è nominato commissario del partito in provincia. Una scelta dettata dal mancato accordo tra le varie componenti.

Per il Pd messinese, del dopo Genovese, il parlamentare che da un anno e mezzo, in quanto coinvolto nell’inchiesta sulla formazione professionale, è agli arresti, è praticamente notte fonda. Il partito che non ha una guida messinese non ha nemmeno una sede. La vecchia sede appartiene alla fondazione costituita dai Democratici di Sinistra. E naturalmente non c’è più la segreteria politica del parlamentare Genovese dove si svolgevano la maggior parte delle riunioni. Lunedì o martedì al massimo, Raciti, sarà in città.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X