stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Emergenza Stromboli, dopo i disastri il sindaco chiede interventi per 21 milioni
PROTEZIONE CIVILE

Emergenza Stromboli, dopo i disastri il sindaco chiede interventi per 21 milioni

di
Messina, Politica
Riccardo Gullo

Per l’emergenza Stromboli il sindaco Riccardo Gullo ha richiesto un finanziamento di quasi 21 milioni di euro alla Protezione civile nazionale per far fronte dice “al secondo piano degli interventi”.
“Un passaggio decisivo – puntualizza Gullo che è anche commissario - fondamentale per far fronte alla difficile situazione nella quale si trova l’isola, continuamente esposta al rischio idrogeologico tutte le volte che si verificano precipitazioni atmosferiche anche di lieve entità. Dopo lo stanziamento di 1 milione di euro, impiegato per finanziare le prime misure urgenti già realizzate, ora però occorre questo nuovo contributo per un importo complessivo di 20.741.460.

Così suddivisi: Interventi di ripristino della viabilità danneggiata dall’alluvione, dei sottoservizi e di mitigazione degli effetti alluvionali € 1.640.000, potenziamento, ampliamento, adeguamento e rifunzionalizzazione delle strutture strategiche per finalità di protezione civile 5.900.000, mitigazione del rischio Idraulico (proposta presentata dall’Autorità di Bacino Idrografico della Sicilia) € 12.620.000 e sostegno al tessuto economico sociale:  580.000.

“Di questo punto – spiega il sindaco-commissario - fanno parte tutte le istanze presentate dai cittadini che hanno subito danni e l’importo si riferisce alla cifra indicata nell’ordinanza di Curcio come contributo ai privati (5.000) e alle attività commerciali (20.000). Nel piano, però, è stato riportato anche l’importo effettivo dei danni autocertificati nei modelli B1 e C1, perché possa essere oggetto di successive coperture finanziarie. Nello stesso piano, inoltre, è stato evidenziato il grave danno economico subito da alcune attività produttive che, a causa dell’alluvione, hanno dovuto chiudere temporaneamente nel periodo di alta stagione turistica. Per tali attività, è stato richiesto il riconoscimento del lucro cessante”.

“Questo Piano d’intervento è necessario per superare l’emergenza in corso - ha detto Gullo - ed è stato scritto con l’intenzione di mettere l’isola nella condizione di affrontare qualunque emergenza possa presentarsi. Non dimentichiamo che Stromboli è un vulcano attivo; queste opere sono fondamentali per garantire la presenza sul posto di tutte le autorità competenti, rendere immediatamente operative tutte le strutture di protezione civile e affrontare così qualsiasi livello di allerta in maniera organica, tempestiva, puntuale ed efficiente.” La realizzazione del piano, è subordinata all’approvazione del Dipartimento della Protezione Civile e della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X