stampa
Dimensione testo

Arrestato un avvocato di Taormina, dalle intercettazioni emerge la corruzione

Un avvocato è stato arrestato e un ex dirigente comunale, ora in pensione, ha ricevuto la notifica di divieto di dimora nel comune di Taormina: sono accusati di peculato e corruzione.

Dalle intercettazioni dei finanzieri del Comando Provinciale di Messina emerge il sistema corruttivo. Il legale, grazie alla complicità del responsabile dell’ufficio idrico, che inseriva nel sistema informatico comunale "AcqueWin" dati falsi, negoziava direttamente sul suo conto corrente personale gli assegni degli utenti morosi (comportamento definito dallo stesso gip "inquietante"), o si faceva pagare "in contanti", a fronte di uno sconto all’utente, per non lasciare traccia degli importi ricevuti.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X