stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Ciak, a Stromboli non si gira. Il sindaco: «La produzione non ammette le sue responsabilità»
ISOLE EOLIE

Ciak, a Stromboli non si gira. Il sindaco: «La produzione non ammette le sue responsabilità»

La popolazione dice no alle riprese per completare il documentario sulla Protezione civile, che a maggio causò l'incendio che ha lasciato nuda la montagna
incendi in sicilia, Isole Eolie, Messina, Politica
In chiesa l'incontro dei cittadini con il sindaco (foto Notiziarioeolie.it)

Stromboli dice no alla prosecuzione delle riprese della fiction Rai sulla Protezione civile sul cui set, lo scorso 25 maggio, si sviluppò l’incendio che ha carbonizzato circa 5 ettari della vegetazione dell’isola, lasciando, praticamente, nuda la montagna dalla quale, poi, il 12 agosto, per via del dilavamento, è venuto giù il fiume di fango e massi che ha investito il centro abitato.

Il diniego, alla prosecuzione delle riprese, richiesto, dalla società di produzione «11 Marzo film», è arrivato dalla stragrande maggioranza dei cittadini, circa un centinaio, intervenuti ieri sera, nel consueto incontro settimanale con il sindaco di Lipari, Riccardo Gullo, nella chiesa di San Vincenzo. Rifiuto alla riprese che è anche dell’amministrazione comunale liparese. «Il no - dichiara Gullo - è motivato dall’atteggiamento da loro tenuto, a proposito dell’incendio, sia nei confronti della popolazione che dell’amministrazione comunale. Se dovessero cambiare atteggiamento, la possibilità di consentire nuove riprese sarà riproposta alla valutazione degli strombolani».

«Non ci sono i presupposti per completare il documentario», dice perentorio il sindaco di Lipari, Riccardo Gullo. «La produzione della fiction sulla Protezione civile, sul cui set si sviluppò lo scorso 25 maggio l’incendio che devastò la montagna di Stromboli, non ha mai avuto alcuna volontà di collaborazione dopo il rogo - tuona Gullo, parlando con l'Ansa -  né assumendosi la responsabilità dell'incendio e le conseguenti azioni di ristoro, ma addirittura lasciando l’isola come se non fosse accaduto nulla».

«Anche dopo l’inondazione del 12 agosto, che la magistratura stabilirà se collegata ai danni causati dalle fiamme, la società non ha espresso alcuna solidarietà manifesta e concreta. Non bastano atteggiamenti da finzione e non concreti», aggiunge Gullo. «L'autorizzazione a completare il filmato dovrebbe darla il Comune che guido - osserva - ma per questi comportamenti rilevati dopo il rogo e prendendo atto della volontà della popolazione non mi pare che tale permesso possa essere rilasciato».

Intanto, facendo un bilancio dei danni dopo lo smottamento, Gullo spiega che «la prima fase dei lavori che era quella di liberare le strade e gli immobili dal fango si è conclusa. Adesso bisogna concentrarsi sulla costruzione di opere per la tutela del territorio da eseguire anche grazie allo stato di emergenza deliberato nei giorni scorsi dal consiglio dei ministri».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X